L’indebitamento eccessivo va contro l’interesse dell’emittente della carta

Nell’ambito della verifica della solvibilità, Swisscard AECS GmbH controlla scrupolosamente la solvibilità di ogni singolo cliente. Nel proprio interesse, l’emittente della carta di credito adotta tutte le misure necessarie per far sì che i crediti concessi ai consumatori possano anche essere sostenuti: un unico cliente che non è in grado di pagare la fattura della sua carta di credito costa a Swisscard quanto i profitti derivanti da 200 clienti solvibili.

Nella verifica della solvibilità Swisscard AECS GmbH si basa su fonti di dati interne ed esterne. Oltre al reddito vengono controllati anche altri valori di riferimento della sicurezza finanziaria, come ad esempio il patrimonio e gli obblighi esistenti.

I clienti vengono valutati in base al loro profilo di rischio. Ad esempio, per i giovani adulti (età minima per Swisscard: 18 anni) si applicano criteri di valutazione più severi, il che ha come conseguenza percentuali di rifiuto più alte. Di conseguenza, l’età media dei titolari di carta a Swisscard si aggira intorno ai 50 anni.

Nel caso di carte di credito gratuite, Swisscard AECS GmbH verifica la solvibilità del cliente con la stessa meticolosità applicata alle carte con tassa annua.

Swisscard AECS GmbH non emette carte se il richiedente è gravato da attestati di carenza dei beni. La provenienza di tali attestati di carenza dei beni è irrilevante.

Il limite di spesa viene stabilito in base alla verifica della solvibilità individuale. L’entità del credito concesso è direttamente proporzionale alle condizioni finanziarie del cliente.

Ogni mese il cliente riceve una fattura e la paga senza interessi entro il termine di pagamento. A differenza di altri fornitori di carte Swisscard AECS GmbH concede un termine di pagamento più lungo, cioè 22 giorni dall’emissione della fattura.

Se l’importo della fattura non viene pagato, totalmente o in parte, entro il termine, su tutti gli addebiti (ad eccezione degli interessi maturati) vengono riscossi degli interessi fino al ricevimento di un pagamento rateale e successivamente sul saldo restante ancora in sospeso fino al ricevimento del suo pagamento.

Se un cliente non ha pagato la fattura della carta di credito e ha esaurito il limite di credito concesso dall’opzione di pagamento rateale, la carta di credito viene temporaneamente bloccata. Il cliente potrà tornare a utilizzare la carta solo dopo avere pagato il suo debito.